Il teme pe Corse Curte di Mai

La matine, di gnot, a ore di gustâ

O intal imbrunî, come in chest cuadri di Hopper

Bielis o brutis,

Grandis o piçulis,

Sioris o puaris,

Di cui che lis vîf o di cualchidun altri…

CJASIS

Puest sigûr

Di cuant che al è l’om

Che se al è furlan al devente il mâl

Dal modon,

Puest di barcons e di puartis,

Di antîi e di napis

Di camarins e di cops

CJASIS a grops

A meti adun un paîs,

Devant di une strade

E cun daûr un bearç;

Che a son ancje dal cai e de copasse

O dal Signôr se si va a messe

CJASIS

Fatis sù in agns

O in cuatri e cuatri vot,

Vieris di secui

O sdrumadis dal taremot;

Infestadis, bandonadis o folcjadis

Di int e pinsîrs,

CJASIS

Nassudis par jessi contenidôrs

Ma che par chest mês di Mai a saran atôrs.

3 coments On Il teme pe Corse Curte di Mai

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di pagjine dal sît