La conte misteriose (6) Fûcs

Il lavôr dai colons vignûts su dal Sani, de Sabine e de Irpinie, al veve trasformât ce che dentri de rêt astrate de centuriazion al jere boscam o ben aghis fermis, in campagne bondançose. […]

E pûr fra pôc (zirantsi al lumà il tarlup di un fûc, ma al podeve ancje jessi l’ultin riflès di soreli dentri dal Nadison), la fadie di secui che e jere stade la centuriazion, la sô semplicitât razionâl, la sô vitorie sul malsan disordin de nature, e sarès risultade inutile.
I jenfrisegns a jerin ta chês covis di sterps e in chês aghis che a restavin tai fossâi e che lui dal alt al viodeve cemût che aromai a cjapavin dentri la tiere buine. Il ricet di bestiis salvadiis che a stevin deventant, al faseve lâ vie i colons cui sbrindinaments che di gnot a fasevin i cenglârs e i unviers plens dai urlis dai lôfs. Lis tieris bandonadis a aumentavin sul lôr stes abandon, in chel che si dîs – jessint i oms bravonons a inventâ il non aes diasgraciis che a vegnin par colpe lôr – un cercli viziôs. E fra pôc, culì, dut al tornarà a sedi ce che al jere stât: boscaie, tiere pustote, palût, incressite salvadie di jerbatis e animâi.
Cul soreli ridusût a une striche rossite, chei fûcs su la linie dai cuei – parcè che si tratave di fûcs, fûr di ogni malintindiment pussibil – a ardevin simpri plui vivarôs, prospars. Biel che ju fissave lui al continuave la sfilze des lamentelis: lis tassis che bisugnave paiâ ancje pes tieris bandonadis, i sclâfs cristians che dal dopomisdì de sabide fintremai a chel de domenie nancje no molzin lis vacjis, in chel che al varès di jessi dome il dies Domini; lis leçs che a judin i colons che a van vie invezit di cjastiâju cuant che a scjampin tes citâts, a aumentâ la marmaie dai sflacjons.
A colp, alt fin in cîl, tant che chel di un purcit che si rint cont che lu stan disgosant, dal bas dal ergastolum si alzà sù l’urli dal presonîr cjapât sot des pugnaladis. «Ma al conven che al mueri un sôl par ducj» al suspirà.
E pardabon che no jerin ni di pastôrs ni di montanârs, chei fûcs di là dal Nadison.
No ju nudrive il prudent, stazât sparagn di cui che al bruse robe sô, ma ben la straçarie di cui che al sdrume e al fische.
Ju fissà a lunc, cun atenzion gnove. Po dopo al zirà i voi di une altre bande.
E al è cussì che lui al spiete i Langobarts.
Sielte e voltade par furlan
dal Garzon de Ostarie

11 coments On La conte misteriose (6) Fûcs

Lasse une rispueste:

La tô direzion di pueste eletroniche no sarà publicade.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di Pagjine dal sît