Il teme pe CorseCurte di Novembar

No si viodin po masse

Dilunc di une vite

E se si viôt dispès

No si paie atenzion

E si va vie cu la zornade

Cence abadâ

E pûr

Ogni dì

Lui al è li

il cricâ dì

sforadi

tenar

cidin

il cricâ dì 

al rive e al va

nus maravee

nus stice

nus met di front da voi

dut ce che al podarès scomençâ.

Zâl

Ros

Celest

Naranç

Al misture i colôrs

Tant che un pitôr di gale

Ma al è simbul cetant

Di un troi che al scomence

Dal jevâ

Dal parâ vie i vencui

E i pinsîrs

Cricâ dî

che nol à cul amont

confront

Cricâ dì

che a rive prin de buinore

e al pare vie il scûr

Cricâ dì che al à cun sè

il non de maravee

Sì che

Il teme pe Corsecurte di Novembar

Velu chi

Al sarà il…

CRICÂ Dì!

2 coments On Il teme pe CorseCurte di Novembar

Lasse une rispueste:

La tô direzion di pueste eletroniche no sarà publicade.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di pagjine dal sît