Lu à dit un frut

Za fa timp a un pôcs di nô, nus jere cjapade le voie di lâ ta lis Scuelis Maternis a contâ storiutis e poesiis in lenghe furlane ai frututs. Part di lôr a fasevin fadie a capî la nestre lenghe, juste par chel o vevin decidût di fâ chest, cussì o sin lâts ta une Scuele Materne di un paîs di chenti. Jentrâ dentri al è simpri un spetacul gnûf, si viôt chescj fruts sentâts tes cjadreutis ch’a cisichin fra di lôr e a somein passarins. Encje chê dì o vin scomençât cu lis poesiis, po lis flabis, e il cjantuçâ e il biel al è che cuant ch’a  finis dut, no molin tant volentîr lis cjadreutis e àn simpri alc di domandâ, encje chê dì e je stade cussì. Un frutin si jere picjât te man de mestre e la stave tirant de nestre bande, intant i fevelave e je e rideve. Ccuant che e je rivade dongje di me i disè: «Chiedi alla signora quello che mi hai detto!»
Il piçul fevelant par talian mi dîs: «Sai io non ho capito bene quello che anche tu hai raccontato, ma se ritorni io porterò il nonno, lui parla  sempre così con la nonna».
Par un moment, no savevi ce rispuindi i stavi pensant il parcè dome il nono, po i ai domandât: «Scusa ma perché non porti anche la nonna, forse farà piacere anche a lei essere presente».-
E lui pront sbassant un pôc i voi: «Sai, non so se il nonno è contento, perché dice sempre che le donne devono stare a casa, a preparare da mangiare!»
A chist pont, ridint o ai ripuindût: «Eco mò! Cumò frutut biel o soi plui che sigure che tiò nono al è propit un furlan!»

di Marisa Gregoris
#1097

1 coments On Lu à dit un frut

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di pagjine dal sît