Il teme pe Corse Curte di Mai

La matine, di gnot, a ore di gustâ

O intal imbrunî, come in chest cuadri di Hopper

Bielis o brutis,

Grandis o piçulis,

Sioris o puaris,

Di cui che lis vîf o di cualchidun altri…

CJASIS

Puest sigûr

Di cuant che al è l’om

Che se al è furlan al devente il mâl

Dal modon,

Puest di barcons e di puartis,

Di antîi e di napis

Di camarins e di cops

CJASIS a grops

A meti adun un paîs,

Devant di une strade

E cun daûr un bearç;

Che a son ancje dal cai e de copasse

O dal Signôr se si va a messe

CJASIS

Fatis sù in agns

O in cuatri e cuatri vot,

Vieris di secui

O sdrumadis dal taremot;

Infestadis, bandonadis o folcjadis

Di int e pinsîrs,

CJASIS

Nassudis par jessi contenidôrs

Ma che par chest mês di Mai a saran atôrs.

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di pagjine dal sît