Luvri

O soi lât a cialâle.
O ai vierte la puarte in sfese par no disturbâle, je distirade che e polse , il viaç al è stât lunc al e miôr che si cuieti.
Al è trê agns che e je lade la vecje, o jeri stuf di stâ di bessôl, di no vê nissun di tignî di cont.
Il tire e mole al è lât indenant un biel pôc, i miei fîs mi àn dite di dut par convincimi a no fâlu:
“Se hai bisogno di compagnia piuttosto prenditi un cane”.
“Non sarai più padrone di te stesso ”
“Tutti quei soldi solo per farla venire qui, ma pensi a noi ed ai tuoi nipoti?”
A àn fevelât ancje cui cunfinants, e chei: “Sta atent a ce che tu fasis” e dopo la solite culture di ostarie: “Vacche e buoi dei paesi tuoi.”
Cuasi cuasi mi mandin ancie il plevan a rompi lis sciatis, ma par fortune, inteligjent, no si è fat viodi.
Jo dûr! Decidût! No ai cambiât idee!
Dal rest e je biele, zovine, gjambe lungje, piel colôr cafèlat e cuant che tu le cjarecis al samee di cjareçâ velût.
E, in confidence, un luvri cussì no lu vevi mai viodût.
“Bon, cumò o voi! O ai propite voie di viodi se cheste frisone olandese e fâs cuarante litros di lat come che mi an prometût!

di Pauli Fantini
#930

2 coments On Luvri

  • E vele chi la prime conte de setemane. Un titul che al è dut un programe. Nus al à mande il nestri gnûf contecurtâr, che te so bio nus vise che al conte une storie dome se al pense di rivâ a robânus une bocje di ridi… e alore preparaisi a scuvierzi du dulà che a vegnin chescj… Luvris!

  • Benpo, benpo Fantin, e cui no varessial crodût tant, ancje cun chel biel contagjo ai voi de fotografie, se no fos stade le ultime rie a fa de vacje le spie.Une conte che mi à dismot bocje di ridi cu le sperance di lei di gnovis. Lussian

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Site Footer