Lets in Ostarie: Mestri di mont

cuviertineMESTRI DI MONT

di Tito Maniacco

CE LIBRI ISAL?

Al conte di cuant che l’autôr, che al veve a pene vinçût il concors par deventâ mestri, al fo mandât a fâ di suplent te piçule scuele elementâr dal paisut di Mujesse, parsore Mueç, borc di mont cence stradis asfaltadis e cence corint eletriche, dulà che si rivave dome a pît. Al è scrit par talian, ma al fevele ancje de lenghe furlane e al dopre espressions furlanis. Al è stât publicât la prime volte tal 2007 dal Circolo Culturale Menocchio, ma al conte di fats sucedûts tal 1956. 

MA CE ISAL DENTRI, DI PRECÎS?

Al conte di fats sucedûts al autôr, ancje se Maniacco al à specificât che no si trate propit di un scrit autobiografic ma pluitost di un romanç di formazion. La storie si davuelç tal arc di pôcs mês, cuant che Maniacco al fasè di suplent a une “pluriclasse” di 15 fruts di etâts diferentis, de prime ae cuinte elementâr, restant ancje a durmî tal paîs vie pe setemane. A planc a planc al scomençà a cognossi i fruts cu lis lôr capacitâts e dificoltâts, stant cun lôr ancje fûr de scuele, e a pensâ par lôr un sisteme di insegnament che al vignìs incuintri al mût di pensâ di ogni frut. Al cognossè ancje i abitants anzians dal paîs, rivant a concuistâ il lôr rispiet. Pûr trop al podè restâ a Mujesse par pôc timp, fin cuant che al fo trasferît a une altre scuele. 

UNE CITAZION

Nonostante le dure fatiche delle marce in montagna, delle levatacce, dell’isolamento, Moggessa mi pare ancora oggi la sola e giusta chance per dare un senso a un lavoro che non avevo cercato e che mi era piombato addosso dopo un concorso vittorioso. Fossi finito in una scuola di città, probabilmente sarei stato preso nei lacci del tran tran casa scuola, alimentando una schizofrenia che già di per sé condizionava ampiamente la mia vita.

E’ stata la solitudine, è stato il cerchio magico delle montagne, è stata Moggessa e la sua piccola società, sono stati quei bambini, è stata quell’aura a farmi scuola.

A CUI I PUEDIAL PLASÊ?

A cui che al vûl lei cemût che si viveve intun paisut de mont furlane fa setante agns, contât ancje cun poesie ma cence indolcî lis faturis e la durece di chê vite. A cui che al à gust di capî che la scuele e pues deventâ un strument di omologazion o di svilup dal individui, daûr di cemût che le intindin chêi che a insegnin. 

E SE O AI VOIE DI CJOILU?

La gnove edizion e je stade publicade chest an de Forum Editrice e si pues cjatâ sul lôr sît, dulà che si cjate ancje une cerce dal libri di podê lei di rive jù.

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di pagjine dal sît