Tacât e distacât

A jerin nassûts zimui.
Ma cetant zimui, cetant zimui, che cuant che a vevin tacât a patafâ il cûl al prin, al jere stât chel altri a vaî tant che un vidiel, cussì come che al veve fat so fradi cuant che a vevin patafât lui. Di no crodi!
Di no crodi compagn di ce che al veve fat chel roc di lôr pari, che la doplete nol jere bon di fâle nancje cu la Cinccent, ma si jere cjatât li dal Comun cun tal cjâf un sôl non, e al veve scugnût barufâ no pôc par vê la sô reson: a vevin di clamâsi ducj i doi Gianluca!
Chel de anagrafe nol jere di chel avîs, ma supposu daimono posissà cechalè e cenolè, ae fin le veve cumbinade. O cuasi cumbinade. Un al veve non Gianluca, dut tacât, e chel altri Gian Luca, distacât. E in cûl a lis menacis dal Sindic e dal plevan, che i pandevin insuperabilis dificoltâts pratichis pe gjestion de famee, che invezit, no jerin mai sucedudis.
O miôr, cualchi volte, chel fat di jessi zimui in chê maniere incredibile, cun tant di non compagn, al veve dal sigûr sburtât Gianluca e Gian Luca a provâ a meti tal sac il mont.
Te scuele dai canais, par esempli, Gianluca (tacât) al jere capitât sot di Lise, muinie buine come il pan, e Gian Luca (distacât) sot di Gjise, muinie triste come il ledan, simpri cul venc in vore, pronte par comedâ ogni malefate. Si che duncje, plui Gjise i deve a un, plui al cainave chel altri. «Avonde!» al veve dite une volte il puaret, «Cumò si scambin il puest une dì sì e une dì no! Cussì tu cjapis almancul miezis di chês che tu mertis!» Ma no i jere lade ben, Gjise si jere subite inacuarte e ju veve pacâts ducj i doi cence remission.
Une seconde volte, a vevin cirût di petâle a scuele. Gianluca (tacât) al jere bulo cui numars e a fâ di cont, Gian Luca (distacât) al jere babio a scrivi i temis. Nol covente spiegâ ce che a vevin cirût di fâ inte zornade dal compit in classe, e no covente contâus cetantis che a vevin cjapadis di lôr pari dopo la note sul regjistri, cuant che lu veve mandât a clamâ il Diretôr.
La tierce e ultime volte, e jere capitade di fantacins. Gianluca (tacât) al jere musan, timit, che al faseve une vore di fature ancje dome a davuelzi mieze peraule a lis fantacinis; chel altri (distacât) al veve une fevele di politic in timp di elezions. Cun chê, al veve inçusside Marie Piute cence dûl, lassantle poiade suntune cuvierte, tal mieç di un cjamp di menighe e dal cricâ dai grîs, prin di clamâ dongje il fradi, cu la scuse di lâ a spandi aghe daûr di un morâr. E nie, Marie Piute, fie di boscadôr e schene di muradôr, si jere inacuarte dal truc za a viodilu rivâ e e veve sielzût un bon len di clupignâr. Cun chel i veve dadis tantis, ma tantis, mo a un, mo a chel altri, di lassâju in campagne, scunîts e vergognôs, fin tal cricâ dì.
Al jere stât propite in chê volte che i doi a vevin metude in polse par simpri la idee di scambiâsi di puest.
«Sint mo», al veve dit dal adalt dal so metri e novante di piel e vues Gianluca (tacât), scjassant i cjavei bionts e luncs fin te schene. «Secont me al è miôr che no i provedin plui a fâ i furbos, profitant dal jessi zimui».
Gian Luca (distacât) si veve gratât prime la pelade e po dopo la panze taronde, pinsirôs. Si veve jevât in ponte di pîts e al veve poiade une man su la spale di so fradi. «Tu âs reson!» i veve rispuindût convint.

di Rafaêl Serafin

3 coments On Tacât e distacât

  • Ce al puedie cuant che un trop di contecurtârs si cjate a mangjâ une fritule e bevi une birute insieme? Al pues sucedi di dut, ma ce che al è sigure, al è che a saltin fûr contis! Ancjemò piês se i doi che si cjatin a son l’Ostîr e Gianluca Franco. E pues saltâ fûr une disfide come intun Western. Podopo… magari Gianluca al pensave che l’Ostîr al scherzàs, e invezit…. Vele chi, la conte! Une conte par scomençâ ben la setemane, lizere e cence tantis pretesis. Cumò al tocje a Gianluca rispuindi e o restin seneôs in spiete!

  • La conte di Rafaêl mi ripuarte su che di Oreste, trist e furp come la peste, e che di Zuan, timit e bon come il pan, zimui ancje lôr, indulà che si volevin un ben di mont. Rivâts in ore zovenote indula che il voli al scuadre lis bandis foeminîls, Oreste al veve un sucess strepitôs dai monts al mâr, Zuan nol rivave a sclopeta une, cussiche Oreste lu impegne a dopra che chal veve di turni in che sere, considerant le grande someance no si saress n’ acuarte, e cussi fu fat, podeis sol crodi, come prime volte nol rivave distacasi, e le samence a à fat ce che Diu comande, dopo nûf mês rive l’ ordin de paternitât, insumis nissun voleve velu, no ale me al è to, e vie indenant cu le tiretele , fat al sta che tra i doi zimui si e rot dut chel grant afiet dopo une grande baruffe. Veve tante reson puar Zaneto Bagnarie a sventola pal borc che foeminis e sclopis no si prestin. Raffaele , cence volelu o ai fat di un coment une conte. Lussian

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Site Footer

%d bloggers like this: