Bisest – ce libri isal?

Sì, la Sartore e à reson, no us ai contât nuie dal libri che al à pene vinçût il San Simon, e nol va ben. Al è just che il vuestri fidât Ostîr al disveli ai clients de sô osterie ce che al à scrit e che magari ur spii alc che no san ducj.

Tant par scomençâ, us regali la imagjine origjinâl de cuvierte dal libri, in dute la sô risoluzion, metude adun cul jutori di un pocje di int, cui che al à fat la stele (Annalisa), cui la prove dai colôrs (Giorgia), cui che al à fat la grafiche (Gian), cui che al cjatât i zûcs matematics che a son ripuartâts cun il numar 2084 (Luca). Sul daûr, ma si cognossin, doi monuments di Udin, che si cjalin e a cercenin il lûc dulà che si davuelç la ultime conte. Sul sfont si pues viodi scrit l’incipit di presentazion dal libri, cu la caligrafie dal Ostîr. Chel 123 che a son te peraule Bisest, a son li propit parcè che il 2084 al è il 123sim an di 366 dîs di cuant che a esistin i agns bisescj. E i numârs ledrôs… bon, disìn che un pôc al è parcè che si leieve miôr, un pôc che lis robis no son ladis masse ben, tal doman imagjinât.

Ma parcè 2084?
2084 al è un an bisest, clâr, e al è 100 agns plui indevant dal nomenât 1984 orwellian e come che orwell al imagjinave un futûr dal mont, in Bisest si imagjine un futûr Friûl. Dutis lis contis di chest libri a son ambientadis in chel an che al à di vignî e intun Friûl dal doman, che si è puartât daûr ducj i difiets che a van trasformant il mont cumò.
Hate speech, tristeriis, svindic, rabie, desertificazion urbane, diferencis sociâls, riscjaldament globâl, distorsion des informazions, maniis di sigurece, imbrois, gnovis tecnologjiis de gjenetiche, vueris su la puarte di cjase che a podaressin sdrumâ il mont e forsit cuissà, lu àn za sdrumât, in part, ta chel an.

Si cjatin contis che a mostrin dut chest, ambientadis intun mont che al è il Friûl che al vignarà, o magari, che cui che al lei al sperarà che nol vegni mai. Lis contis a son avonde diferentis e si son adeguadis, ancje te lenghe doprade, a un mont dulà che il furlan al è stât vietât, se lu si cjacare in public, e si è sporcjât ancjemò di plui di cumò di talianisims e altris lenghis. Ma soredut, la lenghe si è usade al mont che e à ator e lis contis poetichis che magari a podevin plasê une vore ta chei altris miei libris a son sparidis, par lassâ puest a contis plui maluseriosis e crudis; e tocje dî che nol è propite un libri par fruts. Us confessi che al è stât dificil ancje scrivilu, parcè che plui di cualchi conte a mi vignive fastidi a pensâle.

I titui des contis a son mûts di dî. (Anzit, us spii che intune prime version, la cuvierte e podeve jessi fate di 10 mus, cul titul “Mûts di dî”, ma al jere plui par ridi che altri. La idee dutcâs no je inmò muarte)
Mûts di dî sot de responsabilitât de Fuguline, la nestre Coghe, che e à viodîût incressi il libri intant l’ostîr lu scriveve (e jê lu corezeve). Inte fin dal libri e je une part dulà che jê us spieghe sedi dulâ che al nas un mût di dî, sedi dulà che si fâs un resonament ator di lui e su la conte che e cjape il so non. Espressions come Lâ in vacje o Lâ a mulin fin che e je aghe, fâ la tumie, no son dome espressions lenghistichis comuns (o discomparidis), ma a rapresentin il popul che lis à dopradis e ricognossudis e a cambin cun lui. Chest libri nol sarès vignût cussì cence il so jutori. Dentri tes contis, platâts ca e là, al è plen di mûts di dî. Une sorte di cjace dal tesaur lenghistiche.

Cussì come che e je une altre cjace, une vore plui grande, che cuissà cui che la imbrocarà… A son cinc personaçs misteriôs, tal libri. Cinc come i rams dal savê dal futûr che o cjatais in cuvierte. Cinc pontis di une stele, che a condividin il jessi stele, o miôr, faliscje. Faliscje di une piçule rivoluzion par comedâ il mont che e tache propite ta chê zornade in plui che al à il 2084. Cui sarano chescj cinc? Nol è scrit, dentri tal libri. Par scuvierzilu bisugne leilu. E no vignarai di sigure a spiâusal jo. 🙂

E se us pâr di cognossi cualchidun, fra i personaçs secondaris des contis, chel cualchidun a podaressis sei voaltris, stant che o ai semenât contecurtârs e int che e zire te nestre Osterie ancje ator pes pagjinis.

E dopo? E dopo e je dentri une vore di poesie e melodie. Prime di ogni conte, al è un sbrendul di componiment robât dal blog di Angelo Furlani, (cul so consens, si intint), sot de supervision de nestre sartore Astrid. E soredut, ae fin di ogni conte, o cjatais une altre robe. Une preiere ledrose, cun titui che no us spii ma che us fasaran subit capî che no son propit preieris tal sens comun dal tiermin. E o cjatarês ancje lis cjantrapoesiis, ven a stâi un messedot di cjançon trap/rap e di poesie che al è scrit in metriche e di fat al è il test di une cjançon.

Dopo no sai. Us ai dit dut ce che mi vignive tal cjâf sul libri e che no crôt che al ruvini la leture a di nissun, stant che si sa, la sorprese al è un dai ingredients plui preseabii, intes storiis. Lu cjatais li de Filologjiche a partî di cumò. Se lui leieis, se us plâs o no us plâs, o ai simpri gust di savê ce che o pensais. E za che o soi no pues che ringracia cheste Ostarie e chei di Contecurte, parcè che Bisest al è un libri che al à dentri il “Contecurte Power“, e lu si viôt ancje de opere che mi à contindût la vitorie: chê dal fidât famei Checo!
Un mandi a ducj,

Rafaêl Serafin

1 coments On Bisest – ce libri isal?

  • De lontane Argjentine i mandi al Ostîr i miei compliments par chest gnûf travuart personâl.
    Par fortune i Matusalems za no esistin, di no sei cussì, a rivaressin a vivi in chel mont imagjinari che la leterature e ricree.
    Ma al ven di pensâ!! che se o lin indevant di chest pas, dut al podarès sei reâl.

Scrîf un coment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Site Footer

%d bloggers like this: