La strade che no leve inniò

Fûr dal paîs a jerin trê stradis: une e lave bande dal mâr, la seconde bande de citât e la tierce no lave inniò.
Martin lu saveve par vie che lu veve domandât un pôc a ducj e ducj i vevin rispuindût simpri la stesse robe:
– Chê strade li? No va inniò! Al è dibant cjaminâ par là.
– E fin dulà rivie?
– No rive di nissune bande.
– Ma alore parcè le àno fate?
– Ma no le à fate nissun, e je simpri stade li!
– Ma no isal lât mai nissun a viodi?
– Oh, tu sês propit un maçûl! Se ti disìn che nol è nuie di viodi…
– No podês savêlu se no vês mai stât.
Al jere cussì cjaviestri che a tacarin a clamâlu “Martin Maçûl” ma a lui no i interessave e al continuave a pensâ ae strade che no lave inniò. Une dì, a pene che al fo avonde grant par scjavaçâ la strade cence dâi la man al nono, si jevà adore, al le fûr dal paîs e cence stâ a cincuantâle al cjapà la strade misteriose e al le simpri indevant. 
Il troi al jere plen di busis e di jerbis matis ma par fortune al jere tant timp che nol ploveve e cussì no jerin pocis; a man drete e a çampe a corevin baraçs ma a planc a planc a tacarin i boscs.
Lis ramacis dai arbui si sieravin parsore de strade e a creavin une galarie scure e frescje dulà che al jentrave dome ogni tant cualchi rai di soreli a fâ un pocje di lûs.
Cjamine che ti cjamine… la galarie no finive mai, la strade no finive mai.
A Martin i dulivin i pîts e al pensave za che forsit al jere miôr tornâ indaûr cuant che al viodè un cjan.
-Dulà che al è un cjan e je une cjase – al pensà Martin – o almancul un om!
Il cjan i le incuintri menant la code e i lecà lis mans, po al le vie pe strade e a ogni pas si zirave par controlâ se Martin i lave daûr.
– O rivi! O rivi! – al diseve Martin dut curiôs.
Biadelore il bosc si vierzè, parsore si tornà a viodi il cîl e la strade e rivà devant di un grant puarton di fier.
Traviers des sbaris Martin al viodè un cjistiel cun puartis e barcons vierts e il fum che al vignive fûr di ducj i cjamins e su la terace une siore bielone e saludave cu la man e e vosave dute contente:
– Anìn! Anìn, Martin Maçûl!
– Cjo mo! – al disè Martin legri – jo no savevi che o sarès rivât… ma jê sì!
Al sburtà il porton, al traviersà il parc e al jentrà tal salon dal cjistiel juste in timp par fâ la riverence a chê biele siore che e vignive jù pes scjalis. E jere biele! E vistude miôr des fadis, des principessis e cun di plui e jere dute legre e e rideve.
– Alore no tu i âs crodût!
– A ce robe?
– A chê storie de strade che no lave inniò.
– E jere masse stupide e par me a son ancje plui puescj che stradis!
– Sigûr! Baste vê voie di movisi! Cumò anìn, ti fasarai viodi il cjistiel.
A jerin plui di cent salons plens di tesaurs di ogni fate, come in chei cjistiei des flabis dulà che a duarmin lis fantatis o dulà che i orcui a taponin lis lôr fortunis.
A jerin diamants, pieris preziosis, aur, arint e ogni moment la biele siore e diseve:
– Cjape sù! Cjape sù ce che tu vuelis! Ti darai un cjaruç par puartâ il pês.
Pos crodi se Martin sal fasè dî dôs voltis! Il cjaruç al jere dut plen cuant che al tornà a partî. Il cjan, che al jere amaestrât e al saveve tignî lis brenis e vuacâ ai cjavai cuant che si indurmidivin e a lavin fûr di strade, si jere sentât in serpe. Tal paîs, dulà che a pensavin za che al fos muart, ducj a saludarin Martin Maçûl cun grande maravee.
Il cjan al discjamà inte place ducj i tesaurs, al menà dôs voltis la code par saludâ, al tornà a sentâsi in serpe e vie, intun nûl di polvar!
Martin al fasè tancj regâi a ducj, amîs e nemîs e al scugnì contâ cent voltis la sô aventure e ogni volte che al finive cualchidun al lave a cjase a cjapâ sù cjaruç e cjaval e al lave di corse jù pe strade che no lave inniò.
Ma te stesse sere a tornarin un daûr chel altri cuntune muse rabiose pal dispiet: la strade par lôr e finive tal mieç dal bosc, tor di un mûr di arbui, intun mâr di spinis.
Nol jere plui nissun porton, ni cjistiel, ni une biele siore par vie che cierts tesaurs a esistin dome par cui che par prin al va par une strade gnove e il prin al jere stât Martin Maçûl.
di Venusia Dominici
Toc secont classificât a emozions di ingjustri 2017


All'uscita del paese si dividevano tre strade:una andava verso il mare,la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto.
Martino lo sapeva perchè l'aveva chiesto un po' a tutti e da tutti aveva avuto la stessa risposta:
-Quella strada li? Non va in nessun posto! E' inutile camminarci.
-E fin dove arriva?
-Non arriva da nessuna parte
-Ma allora perchè l'hanno fatta?
-Ma non l'ha fatta nessuno, è sempre stata lì!
-Ma nessuno è mai andato a vedere?
-oh sei una bella testa dura! Se ti diciamo che non c'è niente da vedere...
-Non potete saperlo se non ci siete stati mai.
Era così ostinato che cominciarono a chiamarlo "Martino Testadura" ma lui non se la prendeva e continuava a pensare alla strada che non andava in nessun posto.
Quando fu abbastanza grande da attraversare la strada senza dare la mano al nonno, una mattina si alzò per tempo, uscì dal paese e senza esitare imboccò la strada misteriosa e andò sempre avanti.
Il fondo era pieno di buche e di erbacce ma per fortuna non pioveva da un pezzo così non c'erano pozzanghere; a destra e a sinistra si allungava una siepe ma ben presto cominciarono i boschi.
I rami degli alberi si intrecciavano al di sopra della strada e formavano una galleria oscura e fresca nella quale penetrava solo quà e là qualche raggio di sole a far da fanale.
Cammina e cammina...la galleria non finiva mai,la strada non finiva mai.
A Martino dolevano i piedi e già cominciava a pensare che avrebbe fatto bene a tornarsene indietro quando vide un cane.
-Dove c'è un cane c'è una casa- riflettè Martino- o perlomeno un uomo!
Il cane gli corse incontro scodinzolando e gli leccò le mani,poi si avviò lungo la strada e ad ogni passo si voltava per controllare se Martino lo seguiva ancora.
-Vengo!Vengo!-diceva Martino incuriosito.
Finalmente il bosco cominciò a diradarsi, in alto riapparve il cielo e la strada terminò sulla soglia di un grande cancello di ferro.
Attraverso le sbarre Martino vide un castello con tutte le porte e le finestre spalancate e il fumo usciva da tutti i comignoli e da un balcone una bellissima signora salutava con la mano e gridava allegramente:
-Avanti!Avanti,Martino Testadura!
-Toh!- si rallegrò Martino- io non sapevo che sarei arrivato..ma lei si!
Spinse il cancello, attraversò il parco ed entrò nel salone del castello in tempo per fare l'inchino alla bella signora che scendeva dallo scalone.
Era bella!E vestita anche meglio delle fate, delle principesse e in più era proprio allegra e rideva.
-Allora non ci hai creduto!
-A che cosa?
-Alla storia della strada che non andava in nessun posto
-Era troppo stupida e seconso me ci sono anche più posti che strade!
-certo!Basta aver voglia di muoversi!Ora vieni ti farò visitare il castello.
C'erano più di cento saloni zeppi di tesori d'ogni genere, come quei castelli delle favole dove dormono le belle addormentate o dove gli orchi ammassano le loro ricchezze.
C'erano diamanti pietre preziose,oro,argento e ogni momento la bella signora diceva:
-Prendi! Prendi quello che vuoi! Ti presterò un carretto per portare il peso.
Figuratevi se Martino si fece pregare! Il carretto era ben pieno quando egli ripartì.A cassetta sedeva il cane che era un cane ammaestrato e sapeva reggere le briglie e abbaiare ai cavalli quando sonnecchiavano e uscivano di strada.
In paese, dove l'avevan già dato per morto, Martino Testadura fu accolto con grande sorpresa.
Il cane scaricò in piazza tutti i suoi tesori, dimenò due volte la coda in segno di saluto, rimontò a cassetta e via, in una nuvola di polvere!
Martino fece grandi regali a tutti, amici e nemici e dovette raccontare cento volte la sua avventura e ogni volta che finiva, qualcuno correva a casa a prendere carretto e cavallo e si precipitava giù per la strada che non andava in nessun posto.
Ma quella sera stessa tornarono uno dopo l'altro con la faccia lunga così per il dispetto: la strada per loro finiva in mezzo al bosco, contro un fitto muro d'alberi, in un mare di spine.
Non c'era più nè cancello, nè castello, nè bella signora perchè certi tesori esistono soltanto per chi batte per primo una strada nuova e il primo era stato Martino Testadura.

3 coments On La strade che no leve inniò

Lasse une rispueste:

La tô direzion di pueste eletroniche no sarà publicade.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di Pagjine dal sît