180/78

Andrea Mantegna – Batae des divinitâts dal mâr
(1470, incision, 283×826)
Franco al vierzè la puarte e il vosarili lu sdrumà. Al viodè dôs tetis scridelidis, scjassadis e fruçadis come sacs vueits, dêts crevâts e comedâts cun grops malsacodâts, mans che a impugnavin pes e vuès e madracs e spadis e cuars e spiei e raclis e pivets e forcjis e mil e mil altris vencui e çavariaments. Al sintì cjavai strupiâts sgagnî e tucâ cui çocui su la puarte de sô pietât. Une vuere sbreghecûr jenfri lis divinitâts dal Judizi e chês dal Alcaltri. Al sierà, savoltât.
No, no jere umanitât, chê, e lui al varès fat di dut par puartâle a finiment.

 

di Raffaele Serafini
Contis dal Ostîr

 

Franco
aprì la porta e le grida lo investirono. Vide due seni rinsecchiti,
agitati e stracciati come sacchi vuoti, dita spezzate e saldate in goffe
pinne, mani che brandivano pesci e scheletri e serpi e spade e corni e
specchi e bastoni e trombe e forche e mille e mille altri incubi e
deliri. Udì cavalli deformi nitrire e bussare con gli zoccoli alla sua
pietà. Una guerra straziante tra gli dei del senno e dell’altrove.
Richiuse, sconvolto. No. Non era umanità, quella, e lui avrebbe lottato
per porvi fine. – See more at:
http://ilblogdigelo.blogspot.it/2014/03/i-maestri-del-colore-1-mantegna.html#sthash.By7OKrtX.dpuf

9 coments On 180/78

Lasse une rispueste:

La tô direzion di pueste eletroniche no sarà publicade.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Pît di Pagjine dal sît